circolo culturale amantes
Torino

 

MATTEO BELLIZZI

MATTEO BELLIZZI > lunedì 15 novembre 2010
incontro con l'autore alle ore 19.00
proiezioni
tra le ore 20.00 e le ore 21.30

Matteo Bellizzi


FILARI DI VITE (12’, 2000)
Corto realizzato nel 2000 in omaggio a Cesare Pavese. Storie di vigna, voci impastate di terra e fatica, volti che diventano paesaggi.

SORRISO AMARO (Doc, 54 min, 2003) estratto  5'
Nel dopoguerra molte ragazze ogni anno venivano assunte come lavoratrici stagionali nelle risaie del vercellese. "Riso Amaro" fu il film del neorealismo che portò alla ribalta in tutto il mondo le loro storie ed il personaggio di Silvana Mangano.
Cinquant'anni dopo un giovane filmmaker porta "le ragazze" di allora in quei luoghi, in un viaggio lungo i sentieri della memoria e ricostruisce il ritratto di un'epoca confrontando il mondo fittizio del cinema e gli enormi cambiamenti che hanno interessato l'Italia moderna.

BENEDETTA FRA LE DONNE (4', 2009) da Walls and Borders
In una strada di campagna, al tramonto, alcune donne pregano rivolte ad un’immagine sacra;  al di là del muro l’idea di un mistero forse troppo difficile da afferrare.
E’ un momento di grande intensità, che a fatica resiste ancora nelle campagne, travolto da un mondo che si oppone ad ogni trascendenza; ora è come se ci fosse una forza che spinge tutto a terra, come se non ci si potesse mai elevare davvero al di sopra dell’orizzonte umano.

PIEMONTE STORIES -   1 episodio 10'
Le storie si legano agli spazi, come se nascessero direttamente dalla terra e possedessero una radice, qualcosa che è venuto prima e a cui sono indissolubilmente legate. Il racconto percorre la linea che unisce l’uomo al retroterra da cui tutto è partito: così la tradizione diventa un elemento che riverbera in ogni azione e scatena reazioni.
Piemonte Stories è un omaggio agli uomini che si prendono cura del passato in un’ epoca in cui sembra che sia un lavoro inutile, lo mescolano al presente per dargli spazio, per non rinchiuderlo nei vicoli ciechi della nostalgia o del rimpianto.

VALLEDORA. La terra del rifiuto. Estratto 10'
Il film è stato commissionato e prodotto dagli abitanti della Valledora, poco più di 300 chilometri quadrati tra le province di Vercelli e Biella, incastrata tra il deposito di scorie nucleari di Trino, le due centrali termoelettriche di Livorno Ferraris e l'inceneritore di Vercelli; soffocata dal cemento di ponti e piloni dell'alta velocità della Torino-Milano; martoriata da cave e discariche, di cui non si conosce il numero. Solo ad Alice Castello sono stoccati 2 milioni e 500 mila metri cubi di rifiuti, mentre delle potenziali nuove discariche (le cave disseminate tra Cavaglià, Santhià, Tronzano e gran parte della Valledora) si è perso il conto. Da anni gli abitanti della zona e le associazioni ambientaliste, riuniti nel "Movimento Valledora" tentano di forzare un muro di indifferenza e silenzio.

THE AMP. Art & Meditation Project. 1° episodio, 7'
Progetto di art community building per internet e multimedia
Brevi film documentari che parlano di uomini, arte e spazi museali;
Il museo diventa luogo protetto in cui il pensiero, liberato e amplificato (Amp in inglese significa appunto “amplificatore”), torna al centro dell’attenzione. Le persone coinvolte vengono stimolate ad osservare e meditare su se stesse a partire dall’opera osservata, in un libero gioco di associazioni tra quello che si vede e le sensazioni che si provano.

DOCUSOUND. L ’audio racconto della realtà. (audiodoc, 6')
Il mondo raccontato attraverso i suoni, i rumori, le parole: la realtà come non l'abbiamo mai ascoltata. Docusound.it è una raccolta di audiodocumentari, un audiomagazine in costante espansione: storie nuove ogni mese, audiocartoline, ritratti sonori, autori che sanno "fotografare" con il microfono. In un’epoca iper-visiva, che vuole vedere tutto, Docusound torna al suono per recuperare la sostanza, apre anche ai non vedenti il mondo del documentario e invita i vedenti a chiudere gli occhi e a immaginare la realtà con le orecchie bene aperte.


 

Tratto da: VALLEDORA. La terra del rifiuto

 

Tratto da: THE AMP. Art & Meditation Project


 

 

Biofilmografia Matteo Bellizzi

E' stato allievo della scuola per documentaristi “I cammelli” di Daniele Segre ed è attivo nel campo cinematografico dal 1997. E’ laureato in Lettere Moderne (indirizzo critica cinematografica) con una tesi dal titolo “PAROLA CON VISTA: lo sguardo di Gianni Celati tra letteratura e documentario”.
Partito come operatore per l’agenzia di stampa inglese WTN, ha esordito come regista nel 2000 con il cortometraggio “Filari di Vite” ottenendo i primi riconoscimenti in àmbito festivaliero (Torino Film Festival - Premio Spazio Torino, Festival del Cinema Indipendente di Milano, Festival Sentiero Corto di Domodossola).
Nel 2002 inizia la sua collaborazione con la casa di produzione torinese SteFilm e realizza uno spot per il comune di Milano dal titolo “Milano 24 ore” trasmesso dalle reti Mediaset; nel 2003 dirige il documentario “Sorriso amaro” con cui partecipa alla 60ª Mostra del Cinema di Venezia
“Nuovi Territori”. Nello stesso anno viene selezionato, come unico documentario italiano, alla rassegna Documentary Forthnight presso il MoMA Museum of Modern Art -di New York. Il film ottiene numerosi inviti a festival internazionali (Festival dei Popoli di Firenze, 11° Italian Filmfest London, Prix Italia, Premio Libero Bizzarri) e ottiene il Premio come miglior documentario di creazione al Festival del Mediterraneo CMCA/RAI.
Sempre nel 2003 Sorriso amaro è stato trasmesso in Italia da RaiTre per il Ciclo Doc3.
Nel 2005 realizza come regista e supervisore del progetto la serie di 12 corto- documentari intitolati “Piemonte Stories – Storie del Piemonte”, presentata in occasione delle Olimpiadi Invernali di Torino 2006. Nel mese di settembre del 2006 compie un viaggio in Nepal al seguito dell’associazione umanitaria “12 dicembre” e realizza il documentario “Mentre stai dormendo”, un diario in cui l’esperienza di cooperazione dell’associazione si mescola con la realtà della vita in uno dei paesi più poveri del mondo.
Recentemente ha lavorato al progetto A SUD DI PAVESE (prodotto da Stefilm con il contributo del Doc Film Fund della Regione Piemonte) realizzando il web doc visibile sul sito www.asuddipavese.it e ha prodotto, insieme ad un movimento di cittadini, il documentario VALLEDORA - la terra del rifiuto con il quale è stato in concorso al 12° Festival Cinemambiente di Torino.
E’ tra i fondatori della casa di produzione Doc In Progress, con sede a Torino, con cui cui sta sviluppando progetti che applicano l’approccio documentaristico alle nuove potenzialità espressive legate ad internet e al multimedia (www.docinprogress.com).

FILMOGRAFIA ESSENZIALE
2010 THE AMP - Art&Meditation Project (Serie pilota 3x6’ - Doc In Progress)
2010 NELLE TERRE DEI SAVOIA (Multimedia project, 20x5’ - Doc In Progress)
2009 VALLEDORA - LA TERRA DEL RIFIUTO (Doc, 60’ - Movimento Valledora)
2008 A SUD DI PAVESE (web doc - Ste Film)
2008 LE GRANGE CHE VIVONO (Doc, 40’ - Ass. Le Grange, Fondazione CRT)
2007 MENTRE STAI DORMENDO (Doc, 40’- Ass. 12 Dicembre, Comune di Vercelli)
2006 PIEMONTE STORIES (Doc, 12x10’ - Ste Film, TSI e Regione Piemonte)
2005 RESISTENZA - YOYO MUNDI (DVD Il Manifesto)
2003 SORRISO AMARO (Doc, 54’ - Ste Film, YLE FINLANDIA, TSI, Regione Piemonte)
2003 PICCOLI CONFINI (C.m, 8’ - Comune di Piacenza)
2002 MILANO 24 ORE (Spot,30” -Ste Film, Comune di Milano, Mediaset)
2000 FILARI DI VITE (Doc, 12’)